lunedì 29 settembre 2008

Stracadenti

Gli Stracadenti tratti da un libro di una nota pasticceria di Trento, rispolverato dall'armadio delle mie riviste di cucina
Questi biscotti detti anche “Napoletani” sono gli antenati dei famosissimi Cantucci, dai Cantucci si differenziano soprattutto perché sono poveri di grassi

Ingredienti
250gr farina00
175gr zucchero a velo
150gr mandorle sgusciate
2gr ammoniaca per dolci (o 5gr lievito chimico)
2 uova intere
un pizzico vanillina
acqua fredda quanto basta

Impastare la farina setacciata assieme all’ammoniaca per dolci con il resto degli ingredienti, escluse le mandorle
L’impasto si presenta molto liscio e morbido, ma piuttosto consistente. E’ necessario eventualmente aggiungere uno o due cucchiai d’acqua per farlo rilasciare
L’impasto è pronto quando mettendolo sul tavolo “si siede” altrimenti aggiungere un po’ d’acqua Per vedere come si siede l'impasto osservare le foto e il cerchio centrale nell'ultima foto è coperto dalla pasta


A questo punto aggiungere le mandorle e dividere in due la pasta Spolverare abbondantemente di farina il piano di lavoro e formare due filoncini di 30-40cm


Metterli sulla placca unta o sulla carta da forno, togliere la farina in eccesso e spennellarli con un po’ d’uovo
Cuocere in forno a 180° per 20 minuti Lasciare riposare un paio d’ore i filoni cotti
Tagliare poi i filoni a fettine di circa mezzo cm a forma di salame
Mettere le fettine ravvicinate ed in piano sulla placca del forno e ripassarle in forno per qualche minuto a biscottare, attenzione a non far prendere troppo colore


Ed ecco i nostri stracadenti.................una vera delizia

Se vi piacciono più morbidini potete non fare l'ultimo passaggio in forno
Provateli e gongolerete
Stampa tutto il post

1 commento:

Grazie per i vostri commenti e se scrivete come anonimi firmatevi è più carino per me rispondervi

Related Posts with Thumbnails