BRO BRUSÀ o Zuppa di farina abbrustolita

La ricchezza del nostro territorio e della nostra cucina trova origine nella cucina contadina e sono proprio "I piatti poveri di un tempo" i protagonisti  del nuovo appuntamento de "L'Italia nel Piatto"

Il piatto povero del nostro passato non può che essere il Bro Brusà o Zuppa di farina abbrustolita  presente in quasi tutte le nostre vallate.
Un piatto che ancora oggi ricorda i tempi in cui non c'era molto da mangiare e con poco si portava in tavola una zuppa che riscaldasse e facesse dimenticare la fame. Storicamente veniva preparata con l'acqua e solo quando si poteva veniva aggiunto il latte e più burro per rendere la zuppa più ricca.
Oggi il Bro Brusà è sicuramente più ricco e spesso viene accompagnato con crostini e qualche lamella di porcino, ma nelle sere d'inverno quando si prepara la mente corre a quel passato  raccontato dai nonni, che non è così lontano dai giorni nostri e a cui dovremmo pensare un po' più frequentemente   

BRO BRUSÀ

per 4 persone

100 g di farina 0
1 l di brodo di carne
100 ml di acqua tiepida

crostini di pane 
lamelle di porcini

Setacciate la farina e mettetela in una padella riscaldata a fuoco lento e unta con una noce di burro. Mescolate la farina con un cucchiaio di legno e fatela tostare fino ad ottenere un composto farinoso dorato dal profumo piacevole non bruciato. Aggiungete il brodo caldo mescolando con una frusta per evitare la formazione di grumi (fregoloti). Aggiungete un po' d'acqua per regolarne la densità. Proseguite la cottura continuando a mescolare nello stesso verso, fino a quando otterrete una zuppa morbida, della densità desiderata.
Preparate dei crostini di pane per servire con la zuppa
Servite la zuppa con dei crostini di pane e qualche lamella di porcino


Ecco I Piatti Poveri di un tempo della nostra cucina 

Valle d’Aosta: Frittata alpina “fritò de montagne” 
Piemonte: Torta Verde con riso e spinaci della nonna. Ricetta di Pasqua 
Liguria: Sbira o zuppa di trippa  
Lombardia: Minestra Mariconda 
Trentino-Alto Adige: Bro Brusà o Zuppa di farina abbrustolita
Veneto: Zuppa di ortiche e aglio orsino   
Emilia-Romagna: Le zavardone 
Toscana: La sbroscia, zuppa antica della Versilia  
Marche: I frascarelli 
Umbria: Passato di fave - Ricetta con fava cottora dell'Amerino 
Lazio: L’acquacotta alla viterbese 
Abruzzo: La Pizza Scima abruzzese 
Molise: Cicoria ricamata 
Campania: Cardilli, pomodori e pane 
Puglia: Capriata martinese 
Basilicata: L'acquasale dei pastori: ricetta povera della cucina lucana 
Calabria: Pani cu ‘u salaturi 
Sicilia: Pasta alla Paolina  
Sardegna: Minestra ‘e Merca 

E' possibile seguire la rubrica sulla  pagina facebook o sul profilo Instagram



Commenti

  1. Molto particolare questa ricetta, non ne avevo mai sentito parlare.

    RispondiElimina
  2. Non la conoscevo, ma veramente interessante, più povera di così, perfetta per il tema di oggi.
    Tantissimi Auguri di Buona Pasqua

    RispondiElimina
  3. Davvero povera ma comunque invitante! Buona Pasqua :)

    RispondiElimina
  4. mai sentito parlare, certo che con due lamelle di porcino diventa anche molto attuale! bellissima proposta! Tanti cari auguri!

    RispondiElimina
  5. Davvero particolare questo piatto, non ne conoscevo affatto l'esistenza. Si vero, ricorda perfettamente i tempi in cui in cucina scarseggiavano cibi, e le famiglie si cimentavano in piatti semplicissimi, utilizzando quello che c'era. Mi piacerebbe molto provarlo questo piatto, mi incuriosisce molto.

    RispondiElimina
  6. L'ho assaggiata un paio di volte e mi è sempre piaciuta molto. Per me queste zuppe hanno un che di confortante nelle fredde sere invernali (ma anche in questi giorni di pasqua la temperatura, almeno qui da me, è freddina assai!) Buona Pasquetta

    RispondiElimina
  7. Hai ragione dovremmo pensarci un po' di più a quanto tutto era più semplice prima, anche a tavola! Bella questa tua versione, che sapore con i porcini! un abbraccio

    RispondiElimina
  8. Piatto povero ma comFort food assicurato

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per i vostri commenti e se scrivete come anonimi firmatevi è più carino per me rispondervi

Post più popolari