mercoledì 10 febbraio 2010

Kinpiragobou di Anna ....... italianizzato


Il weekend del 23-24 gennaio, come ho già raccontato, a Firenze ho conosciuto Anna, Mela, Albi, Rossana, Mariella, Val, Cinzia, Sara e Tati, che conoscevo già, la domenica poi ci ha raggiunto anche Dormiglia
sono stati veramente due giorni intensi. 
Il sabato sera siamo stati a cena a casa di Tati ed Anna ci ha preparato dei piatti giapponesi e noi molto volentieri abbiamo collaborato 


Uno dei piatti era questo meraviglioso kinpiragobou
di cui qui vedete la versione italianizzata, però il link è della versione originale di Anna


Uno degli ingredienti è la radice gobou (bardana maggiore), però non so dove trovarla ed ho pensato che si potesse sostituire con del sedano rapa, non avendo altri ingredienti li ho sostituiti con similari italiani, fra parentesi gli ingredienti originali

1 pezzo di sedano rapa
(25cm di radice gobou)
2 carote
1 cucchiaio di olio di semi
1 cucchiaino di olio di sesamo 
1/2 peperoncino rosso
2 cucchiaini zucchero
(2 cucchiai di dashi)
2 cucchiai salsa di soia
2 cucchiai vino bianco
(2 cucchiai di sake)
1 cucchiaio di zucchero
(avendolo messo prima non l'ho messo)
1 cucchiaio di semi di sesamo


Pelare il sedano e le carote, tagliarle in pezzi da 8cm circa e poi tagliarle a bastoncini sottilissimi e poi metterli in acqua fredda per 20 minuti circa

 
In una pentola mettere l'olio di semi e quello di sesamo (io avevo messo un po' di semi di sesamo in un po' d'olio la sera prima) e un pezzetto di peperoncino, sgocciolare i bastoncini e poi buttarli nella padella e farli insaporire bene mescolando


Aggiungere poi la salsa di soia, il vino bianco e lo zucchero e far evaporare il liquido a fuoco moderato, bastano pochi minuti, le verdure devono rimanere al dente


Tostare 1 cucchiaio di semi di sesamo e cospargerli sulle verdurine.


Il piatto anche se italianizzato, mantiene la sua particolarità d'essere molto stuzzicante, vi consiglio di provarlo


Un salutone ad Anna


Stampa tutto il post

9 commenti:

  1. Che bel piattino colorato!
    Io la cucina giapponese non la conosco: hai fatto benissimo a proporla!
    Buona giornata e a prestissimo!

    RispondiElimina
  2. Ciao Luna,
    anch'io in effetti la cucina giapponese non la conosco, però questo piatto che ha fatto Anna è molto stuzzicante e non troppo intenso di gusti ........ infatti ha incontrato approvazione in famiglia e poi ho cercato di adattarlo alle cose che abbiamo tutti in casa

    ciao e grazie
    Manu

    RispondiElimina
  3. Brava Manu, sei fantastica!
    Penso che anche il sedano rapa vada bene, ma spero che tu possa trovare anche la bardana maggiore in modo da avere almeno le verdure originali.
    Sono belli da vedere e buoni da mangiare ^-^!

    RispondiElimina
  4. ciao
    passavo di qui...........
    buona serata con un pasto leggerino!
    Michele pianetatempolibero

    RispondiElimina
  5. che buoooooooono!!!

    Manu, questo piatto di Anna mi è piaciuto tantissimo!!!!...ehm...l'ho mangiucchiato prima degli altri...vergoooogna! ahahahahaha

    Infatti cercherò di rifarlo anch'io quanto prima!

    Manu, Anna, un bacione ad entrambe!!!!

    ciaoooo!

    RispondiElimina
  6. Belli questi incontri ....scambi di ricette ed amicizie che nascono!
    molto interessante la ricetta di Anna...seguo il suo blog è già la versione original mi piaceva...utile conoscere come adattarlo con ingredienti reperibili qui!
    ciao!:)

    RispondiElimina
  7. mi ricorda un tipo di piatto di verdurine saporite mangiate in cina..
    bravissima a riprodurlo italianizzandolo....certo che quel sabato vi siete davvero sbizzarrite anche grazie alle idee giapponesi di Anna ;-)

    RispondiElimina
  8. Un caro saluto

    @ Anna
    Grazie mille cara
    cercherò sicuramente la bardana, è troppo buono questo piatto per non rifarlo .... smack

    @ Michele
    grazie

    @ Mela
    grazie carissima
    tu l'avrai mangiato prima quando l'abbiamo portato a tavola, ma io l'ho assaggiato più volte in corso d'opera ihhh

    @ terry
    grazie mille, sono incontri che lasciano il segno e la gioia di cucinare assieme è stata fantastica grazie anche a Tati che ha messo a disposizione la cucina

    @ astrofiammante
    si è stato proprio un sabato fantastico, tutto era perfetto

    un grande smack
    Manu

    RispondiElimina
  9. Ciao Manu, proverò anch'io a rifare la ricetta di Anna, ho dei ricordi bellissimi delle giornate trascorse insieme! Bacioni

    RispondiElimina

Grazie per i vostri commenti e se scrivete come anonimi firmatevi è più carino per me rispondervi

Related Posts with Thumbnails