sabato 2 novembre 2019

Capuc, Carne Salada e Tosella: i finger food del Trentino Alto - Adige

Ed eccoci ad un nuovo appuntamento con l'Italia nel Piatto, con novembre vi catturiamo per la gola con tanti interessantissimi Aperitivi con Finger Food, ma naturalmente saranno rappresentanti delle nostre bellissime regioni.

Non è stato facile scegliere come rappresentare il Trentino Alto-Adige, scegliere un unico piatto non avrebbe espresso l'identità della regione, ho pensato quindi di raccontarvela attraverso tre piccoli finger food con dei prodotti caratteristici che si completano ed abbracciamo tutta la regione a partire da uno dei pani più conosciuti dell'Alto-Adige

CARNE SALADA CON TRENTINGRANA SU SHUTTELBROT

un Finger food dove il Lago di Garda incontra l'Alto-Adige 

200 g carne salada affettata sottile
50 g ricotta fresca di malga
100 g Trentingrana grattugiato
pepe


Mescolare il grana grattugiato con la ricotta fresca e una macinata di pepe. Stendete bene un foglio di pellicola trasparente bello grande e su di essa adagiate le fette di carne salada tagliata sottile guardando di sovrapporle leggermente per non lasciare spazi vuoti. Se serve coprite con un foglio di carta forno e passate con un mattarello per assottigliarla un po’ e permette una perfetta aderenza tra loro, togliere la carta forno ed incominciare a spalmarla con il composto di formaggio, coprire tutta la superficie lasciando libero solo un cm in alto che servirà per chiudere. Incominciare ad arrotolare dal basso aiutandovi con la pellicola fino a chiudere il cilindro. Fate rotolare il rotolo più volte in modo che le estremità della pellicola si attorciglino stringendo il rotolo dandogli una forma omogenea e regolare. Mettete a raffreddare per un paio d'ore in frigorifero fino a quando si può tagliare senza deformarlo, potete passarlo anche un po' in freezer se non avete tempo.
Tagliare il rotolo in fettine da circa 2 cm ed appoggiate su un mini shuttelbrot e presentate decorato con una piccola cialdina di grana.

CAPUC, CAPONEC O CAPUSS
Ricetta da Sussidiario di Cucina trentina – Le ricette dell’osteria tipica trentina


Piatto simbolo delle Giudicarie ricetta principalmente preparata a fine agosto come segno ben augurante per la vendemmia. La Spressa è un tipico formaggio magro della vallata.

10-12 foglie di vite grandi
100 g di pane vecchio
160 g foglie di biete o erbette
1 ciuffo di prezzemolo
100 g di Spressa stagionata
1 uovo
40 g di burro
1 costa d’aglio
20 g di uva sultanina
Sale e pepe

Confettura corniole
mentuccia
Spago per legare

Le foglie di vite devono essere grandi, ottime quelle di uva fraga, carnose non bucate e non rovinate, lavatele bene. Grattugiate il pane vecchio e il formaggio, poi mettetelo in una ciotola con l’uva sultanina. Pulite bene le biete e tagliatele molto fini con il prezzemolo quindi aggiungete al mix di pane, formaggio e uvetta, mescolate aggiungete l’uovo ed amalgamate. In una casseruola capiente soffriggete l’aglio pestato nel burro, appena è dorato aggiungete di biete e formaggio e lasciate cuocere a fiamma molto bassa per un paio di minuti fino a quando è tutto ben amalgamato, regolate con un po’ di pepe. Spegnete, fate raffreddare leggermente quindi con un po’ di impasto formate degli gnocchi di forma rettangolare che stiano nel palmo della mano e depositateli al centro delle foglie di vite (se sono piccole usatene due sormontate), ripiegatele e avvolgete con cura (chiudete prima i lati della foglia verso l’interno e poi arrotolate partendo dal basso), legando il pacchetto di foglia e ripieno con dello spago. Appena avete preparato i capuss cuoceteli, in una grande padella di acqua salata bollente, per circa un ora a fuoco lento per non farli rompere. Appena cotti toglieteli con attenzione dall'acqua e lasciateli raffreddare ed asciugare. Si mangiano freddi e tagliati a fette, irrorati con un goccio d’olio d’oliva o con delle salsine.

Volendo fare dei finger food preparate dei capuss non troppo grandi e serviteli con della confettura di corniole e una fogliolina di mentuccia



CUBETTI DI TOSELLA 

Ricetta dal libro “ La Prova del Cuore” di Cristian Bertol

La Tosella del Primiero è un formaggio fresco a pasta molle da cuocere , generalmente viene passato alla griglia per qualche minuto


260 g di Tosella
2 uova
65 g di farina 0
65 g di pane grattugiato
Sale
Olio di arachide per friggere

Tagliate la tosella in cubetti da 2-3 cm. Impanateli passandoli nella farina, nell’uovo sbattuto con un pizzico di sale e poi nel pane grattugiato.

Per ottenere una bella crosta ripetete l’impanatura per quattro volte facendo riposare in frigorifero i pezzi di tosella per 5-10 minuti tra una impanatura e l’altra. Riscaldate l’olio di arachide a 170 °C quindi friggete i cubetti di tosella per circa 3-4 minuti fino a completa doratura

Ecco le ricette "I Finger Food" delle altre regioni d'Italia
Instagram: @italianelpiatto

Prova anche tu a realizzare una ricetta inerente al tema del mese, pubblica una foto sul tuo account IG utilizzando #italianelpiatto_community e tagga @italianelpiatto. Italia nel piatto blog




Stampa tutto il post

6 commenti:

  1. Funzionano alla grande questi finger food! Intanto sono belli da vedere e per questo mettono veramente un grande appetito! E poi gli ingredienti sono eccellenti, tutti questi formaggi buonissimi, li assaggerei volentieri! Ciao!!

    RispondiElimina
  2. Ciao Manu sono deliziosi questi finger, proprio da mangiare subito!

    RispondiElimina
  3. wow 3 addirittura, certo che i capuc sono davvero particolari, li assaggerei volentieri, senza nulla togliere agli altri... bellissimi!

    RispondiElimina
  4. Per un'aperitivo molto appetitoso, che delizia!

    RispondiElimina
  5. Non saprei davvero cosa scegliere e quindi li provo tutti! Un bacione

    RispondiElimina
  6. IN effetti anche io non avrei saputo quale scegliere! Hai fatto bene a realizzarli tutti e tre.

    RispondiElimina

Grazie per i vostri commenti e se scrivete come anonimi firmatevi è più carino per me rispondervi

Related Posts with Thumbnails