Canederlini o Canederlotti

Si avvicinano i pranzi delle festività e il nuovo tema per L'Italia nel Piatto 
Mare o monti per la cena delle feste” ci porta a scoprire la nostra penisola attraverso un piatto tipico delle feste con ingredienti tipici che richiamano il mare o i monti.

Non abbiamo un vero piatto tradizionale delle festività, la cucina del Trentino-Alto Adige è sempre stata una cucina semplice di montagna, il piatto delle feste era solo un po' più ricco di quello quotidiano, più caratteristici sono i dolci natalizi.
La sera della vigilia veniva spesso servito il lesso accompagnato da un buon brodo. 

Nei vecchi ricettari è facile trovare accanto ai più tradizionali canederli, i "canederlini" o "canederlotti" da servire in brodo o anche come contorno

Il pane, a differenza dei canederli, non viene fatto ammorbidire nel latte ma viene aggiunto a delle uova. Non una vera è propria ricetta, ma un procedimento lasciato molto al gusto e all'esperienza della cuoca.
Se dovessi prepararli per le festività li servirei così

"CANEDERLOTTI" 

ricetta da "La Cucina trentina" di A. e C.A.Bauer

per 4 persone

40 g di burro
3 uova
180-200 g di pane secco tritato
50 g di grana grattugiato
spezie a piacere
sale e pepe 

per aromatizzare
1 cucchiaio di funghi cotti tritati
1 cucchiaio di biete o spinacini cotti e tritati
30 g di puzzone di Moena 
1 cucchiaio di confettura di corniole

Brodo si carne per cuocere e servire

In una ciotola sciogliete in leggermente il burro, poi aggiungete le uova e mescolate molto bene, poi aggiungete le spezie desiderate e un pizzico di sale e pepe. Quindi inserite il grana e il pane grattugiato e mescolate bene per amalgamare. L'impasto deve risultare abbastanza sostenuto, ma morbido. Per aromatizzare i canederlotti dividete l'impasto in tre parti.

Per i canederlotti ai funghi aggiungete 1all'impasto un cucchiaio di funghi cotti e tritati grossolanamente

Per quelli alle erbette amalgamate l'impasto con un cucchiaio di biete o spinacini scottati, scolati bene e tritati

Gli ultimi canederlotti li ho aromatizzati con del puzzone di Moena e un cucchiaio di confettura di cornoiole

Se gli impasti con gli ingredienti aggiunti si ammorbidiscono troppo aggiungete ancora un po' di pane gratuggiato.

Fate riposare gli impasti per circa 20 minuti in frigorifero, poi prendeteli e formate dei piccoli canerderlini grossi poco meno di una noce.
Appena saranno tutti formati cuoceteli in brodo bollente per alcuni minuti. 
Serviteli alternando nel piatto i tre gusti e aggiungendo qualche lamella di porcini.
Un piatto veramente semplice ma elegante.

Ecco le delizie della nostra cucina


Facebook: https://www.facebook.com/LItaliaNelPiatto/
Instagram: @italianelpiatto

Prova anche tu a realizzare una ricetta inerente al tema del mese, pubblica una foto
sul tuo account IG utilizzando #italianelpiatto_community
e tagga @italianelpiatto. Italia nel piatto blog

Commenti

  1. Elegantissimo davvero è poi così variopinti e saporiti sono sicura della loro bontà

    RispondiElimina
  2. Bellissime e coloratissime queste deliziose palline... Amo i canederli ma non ho mai mangiato questa versione! A presto LA

    RispondiElimina
  3. Che meraviglia questi canederli colorati, complimenti!!!

    RispondiElimina
  4. Interessante questa variazione dei canederli. Non sapevo neanche che esistessero, infatti nei miei libri di cucina leggo solo dei canederli.

    RispondiElimina
  5. Che piatto stupendo ed elegantissimo😍
    Baci
    Mary

    RispondiElimina
  6. Ma è bellissimo! Che piatto meraviglioso, colori stupendi e ognuno di questi canederlini deve avere un sapore buonissimo! Complimenti proprio una bella ricetta! un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Colorato e indubbiamente delizioso questo piatto! MI piace l'idea dei diversi impasti! Sarebbe perfetto anche per questa domenica uggiosa, portarebbe un pò di colore e allegria in tavola!

    RispondiElimina
  8. Un piatto delicato e incantevole, complimenti!

    RispondiElimina
  9. Un primo piatto molto raffinato! Buone feste

    RispondiElimina
  10. Sai che non li avevo mai sentiti chiamare canederlotti??
    Ciao

    RispondiElimina
  11. Sai che non li avevo mai sentiti chiamare canederlotti???
    Ciao
    Elisa

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per i vostri commenti e se scrivete come anonimi firmatevi è più carino per me rispondervi

Post più popolari