venerdì 20 ottobre 2017

Cannoli di sfoglia ai profumi di bosco e campagna per MTC68

Quando è stato svelato il nome della vincitrice della Pasta con il pesce, ho condiviso pienamente la scelta di Cristina perchè quella salicornia mi aveva conquistata dal primo istante in cui l'avevo vista. 
E' stata un emozione forte sapere che aveva vinto Francesca e senza neanche leggere le motivazioni le ho subito scritto che ero felicissima della sua vittoria e che se lo meritava. 
Francesca dopo l'emozione della vittoria per MTC68 ci ha regalato una sfida meravigliosa I Cannoli di sfoglia in cui ci sfida non solo in cucina ma anche con una dedica

Ecco la dedica sicuramente mi spiazza, perchè io idealmente vorrei dedicarlo a lei, la ragazza con gli occhi che sorridono che ho conosciuto a Sinalunga e con cui c'è stato un feeling immediato. Mi ricordo ancora quando al ristorante seduti al tavolo per la cena cercavamo di convincerla ad iscriversi a fb e quindi al gruppo mtc, lei obbiettava che non era tecnologica e per quello non lo faceva, mi ritrovai a dire    
".....ma ti perdi il bello della gara, l'attesa, le ansie i suggerimenti, la crescita..." ........... ed eccoti Francesca dopo neanche due anni a rispondere da giudice a un gruppo a volte un po' puntiglioso, ma sempre molto stimolante. Mi perdonerai se non li dedico a te perchè non me lo permette il tuo ruolo di giudice, ma che io ti stimo moltissimo lo sai da quel giorno

Potrei dedicarli ad Alessandra e a tutte voi di Mtc e mai come oggi ne sentirei il desiderio, ma lo sapete per me siete il mio appuntamento mensile con delle amiche a cui da sempre non so rinunciare, ma non è una sorpresa lo ripeto spesso soprattutto quando faccio fatica a trovare il tempo per giocare come vorrei

Questi due cannoli invece sono dedicati a due fratelli che hanno vissuto la loro vita serenamente con i problemi, le gioie e i colori che ognuno di noi incontra nel proprio cammino ma che adesso, che potrebbero ancora godersi i nipoti, sono invece impossibilitati a farlo perché delle malattie subdole come Alzheimer e Parkinsonismo li stanno catturando. Un percorso tremendamente parallelo, che stanno percorrendo passo dopo passo e non domandatemi quale sia la peggiore per chi sta loro vicino sono entrambe devastanti, per il malato pensavo che se ce la testa è meglio ma non è vero forse è meglio l'incoscienza data dall'alzheimer.

A loro dedico questi cannoli che rispecchiano le loro vite che io voglio ricordare com'erano, perchè così stento a riconoscerli
Un cannolo con ganache di marroni ed arancia dedicata a mia zia con cui ho lavorato per 25 anni giorno dopo giorno in negozio, a volte ci scontravamo per divergenze di lavoro ma poi dopo qualche brontolamento tutto passava. 
Gli piacerebbe perché è sempre stata golosa e ogni tanto dal panificio tornava con una pastina, se poi si andava in pasticceria un moretto non mancava mai.

Il cannolo con la crema mousseline alle mele la dedico a mio padre, che non sapeva resistere al mio strudel di cui era golosissimo e che per me rappresenta il dolce di casa, parla di tepore, affetti e abbracci.

Adesso però è il momento di passare alla preparazione che è molto lunga e di cui copio quasi integralmente la sfoglia del post di Francesca, ma vi consiglio di leggere il suo post, io aggiungendo solo le foto che ho fatto.

Pasta Sfoglia per cannoli

Ingredienti
per il panetto
350 g burro (83,5%grassi)
150 g farina 00

per il pestello
350 g farina 00
150 g burro (83,5% grassi)
10 g sale
10 g miele al posto del malto
Acqua fredda g 50
Vino bianco secco g 60

Procedimento
Per prima cosa ho provveduto a preparare il panetto a mano. 
Ho utilizzato il burro ancora freddo di frigorifero e l'ho amalgamato con la farina.
Il composto non va lavorato troppo a lungo, deve essere omogeneo ma il burro deve mantenere una discreta plasticità. Fatto questo ho modellato il panetto dandoli una forma quanto più rettangolare possibile e sottile, l'ho avvolto in pellicola alimentare e riposto in frigo per minimo un’ora e mezzo.

Nel frattempo ho preparato il pastello inserendo nella farina tutti gli ingredienti, sciogliendo nei liquidi freddi il sale prima di aggiungerli alla farina. 
L'impasto deve essere lavorato ma non troppo va bene lasciato un po' grezzo ma ben amalgamato
Ho avvolto l'impasto nella pellicola e l'ho fatto riposare in frigo per minimo mezz'ora. 

Trascorso il tempo del riposo, che per me si è allungato dovendo farlo combaciare con il lavoro, ho ripreso l'impasto e l'ho steso con il mattarello cercando di darli una bella forma rettangolare, è molto importante per una corretta sfogliatura tenere la forma rettangolare per tutta la lavorazione della sfoglia. Quando si stende la sfoglia il piano deve essere sempre leggermente infarinato.
Ho steso la pasta allo spessore di 1 cm circa e ho steso anche il panetto freddo, battere con il mattarello se lo avete lasciato troppo alto e poi stenderlo con il mattarello, la misura deve essere un terzo del pastello in modo tale che una volta poggiato nella parte centrale della pasta sia possibile ricoprirlo con i due lembi di pasta (vedere foto). 
A questo punto mantenendo i lati aperti in alto e in basso ho eseguito il primo giro a 3 o piega, portando la parte alta verso il centro e ricoprendola con quella in basso in modo tale da ottenere tre strati di pasta sovrapposti ed ho steso la pasta. Subito dopo ho eseguito la prima piega a quattro, ho ribaltato il lato inferiore e quello superiore verso il centro e poi ho chiuso a libro la pasta, in modo tale da ottenere quattro strati 

Ho messo in frigorifero a riposare per minimo 45 minuti. 
Una volta ripreso l'impasto l'ho steso, sempre in forma di rettangolo, mantenendo il lato chiuso alla mia destra. La pasta sfoglia si stende sempre nel solito verso, lato aperto davanti,lato chiuso a destra, e sempre lavorando il più possibile in verticale ed aggiustando via via in orizzontale.

A questo punto ho eseguito tutti i giri, sono ancora 4 in totale, 2 a 3 e 2 a 4, alternandoli e intervallandoli dopo ogni giro con riposi in frigo di 20-30 minuti. (Io li ho lasciati molto di più sempre per poterli gestire con il lavoro)
Una volta eseguiti tutti i giri la vostra sfoglia sarà pronta per essere cotta, deve fare solo un ultimo riposo in frigo di minimo un'ora, ma è meglio lasciarla riposare tutta la notte. 
E questa è la pasta sfoglia fredda dopo l'ultimo riposo notturno, divisa a metà e pronta per l'utilizzo.

Per comodità si possono preparare i cannoli e poi metterli formati in freezer o cuocerli 

Dopo il riposo prendere un pezzo di sfoglia e stenderlo abbastanza sottile, ma non troppo saranno circa 4-5 mm sinceramente non l'ho misurata sono andata ad occhio.
Ho poi tagliato tutta la sfoglia stesa in strisce da 1,5 cm che ho arrotolato sullo stampo per cannoli di diverse misure, sormontando leggermente la parte di striscia che andavo arrotolando su quella già arrotolata. 
Su consiglio di Francesca ho spennellato anch'io con un po' d'uovo sbattuto il lato di sfoglia che si sormonta per farla aderire bene e per ottenere dei bei cannoli, con i ritagli ho fatto delle striscette che ho arrotolato su se stesse.
Passare i cannoli in frigorifero per 15 minuti o in freezer fino a cottura.

Per la cottura preriscaldare il forno a 190° statico, spennellare i cannoli con l'uovo sbattuto e poi spolverare con zucchero a velo quindi infornare per circa 15-20 minuti. 
Gli ultimi due minuti controllarli a vista per evitare che coloriscano troppo. 

La friabilità della sfoglia fatta in casa non ha paragoni

Con i cannoli pronti, ma meglio prima come ho fatto io, possiamo preparare le creme 


Cannoli con ganache montata ai marroni 
variazione dalla ricetta di MERCOTTE 
da Fou de Patisserie, gen-febbr. 2014
da preparare la sera prima

80 g cioccolato fondente al 72%
50 ml + 130 ml di panna fresca liquida
10 g di miele di acacia
2 cucchiai crema di marroni 
1 cucchiaio cacao amaro
Rhum
1 cucchiaino polvere grossolana d'arancia disidratata

Fate fondere il cioccolato a bagnomaria. 
Mentre il cioccolato fonde, portare a sobbollire 50 ml di panna con il miele, poi versarla in due o tre volte sul cioccolato e mescolare molto velocemente con una spatola. 
Mescolare la crema di marroni con il cacao e il rum, poi aggiungerla al composto di cioccolato e panna. Quando sarà ben amalgamata aggiungere anche i 150 ml di panna fredda e mescolare, poi coprire con pellicola e mettere a riposare per tutta una notte in frigorifero.
Poco prima di utilizzarla montare la ganache con le fruste, quindi inserire la polvere di buccia d'arancia tritata, lasciandone da parte un po' per la decorazione.

Farcire i cannoli con la ganache ai marroni e arancia e decorare con un po' di polvere d'arancia
Un cannolo dal sapore ricco e cremoso dove la dolcezza del marrone con il rum si amalgama al gusto dell'arancia

Creme gustosissime anche da assaporare con un bastoncino di sfoglia


Crema Mousseline alla composta di mele

mousseline di Laduree e composta di M. Roux 
da preparare qualche ora prima

Composta
280 g mele 
60 g burro 
80 g zucchero
cannella in polvere 

Tagliate le mele a fettine sottili o a pezzettini e mettetele in una casseruola con 50 g d’acqua e il burro e cuocere a fuoco basso finchè sono morbide e un po' asciutte, quindi toglierle dal fuoco, aggiungere la cannella e lavorarle con una frusta fino ad ottenere una composta che metteremo a raffreddare. 

Mousseline

125 g burro a temperatura ambiente
250 ml latte intero
2 tuorli d’uovo
75 g zucchero semolato
25 g amido di mais
vaniglia in polvere

Scaldare il latte con la vaniglia.

In una ciotola a parte mettere lo zucchero e i tuorli, quindi sbattere con le fruste elettriche fino a quando si formerà un composto chiaro e spumoso, poi incorporare l'amido di mais
Aggiungere un po' di latte caldo alle uova motate con lìamido e mescolare bene quindi trasferire tutto nel pentolino e con una frusta mescolare fino a quando inizierà ad addensarsi.

Spegnere e fare raffreddare leggermente la crema per circa 10 minuti e poi aggiungere metà burro ammorbidito e frullare con la frusta

Portare la crema a cottura e fuori dal fuoco unire metà del burro.
Mescolare bene con una frusta, poi metterla a raffreddare completamente a temperatura ambiente. Con un mestolo amalgamare metà della composta di mele e per ultimo il burro ammorbidito rimasto, sbattere ancora leggermente con la frusta. 

Con la composta avanzata ricoprire l'interno del cannolo con un leggerissimo strato, essendo i cannoli molto piccoli aiutarsi con il manico di un cucchiaio da cocktail, poi all'interno dello strato appena creato farcirlo con la crema mousseline alla composta aiutandosi con una siringa o sacca da pasticceria, poi sulla parte eccedente della crema dal cannolo mettere un pizzico di cannella in polvere
All'assaggio il cannolo sotto la friabilità della sfoglia, avrà un immediata sensazione di freschezza dovuta allo strato di composta di mele per poi affondare nella delicatezza della mousseline  che continua con il profumo di mela

Dopo tanto lavoro non resta che assaporare i gustosi cannoli, che avrei potuto anche dedicare ai miei ragazzi, sicuramente per altri motivi, ma loro sono così forti e decisi come il cannolo alla ganache, ma nello stesso tempo dolci e sensibili se le situazioni lo richiedono, ma come i ragazzi giovani ogni tanto hanno i loro momenti di scontro con i genitori anche i cannoli si ribellano alla forma canonica e in cottura si uniscono ai bastoncini di sfoglia per ottenere un attimo di gloria

Ringrazio Francesca ed Alessandra per la splendida sfida proposta, spero solo che le aspettative non siano state deluse
e un grazie a Mai 
per i suoi meravigliosi Banner





Stampa tutto il post

16 commenti:

  1. I tuoi cannoli sono riusciti veramente bene, complimenti. In tanta perfezione, però, i più simpatici sono quelli "ribelli"!!! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara grazie mille i cannoli ribelli mi sono sembrati subito molto simpatici tanto da dedicargli una foto su un supporto molto speciale
      Ciao 😉

      Elimina
  2. Una pasta sfoglia perfettissima che si scioglie anche solo,a guardarla sullo schermo !! A me la mousseline con la composta please 😊
    E ti abbraccio forte forte Manuela che nonostante tutto hai un sorriso per tutti !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Marina buon gustaia quei cannoli sono deliziosi perché si armonizzano perfettamente alla delicatezza della sfoglia
      Un abbraccio 😘

      Elimina
  3. Sempre brava e perfetta nei particolari. La tenerezza poi dei tuoi ricordi la dolcezza della dedica mi hanno toccato, sei una bella persona.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rossella cara la dedica mi è costato metterla nero su bianco perché ti mette a nudo
      Un abbraccio 😘

      Elimina
  4. che meraviglia Manuela!! quella sfoglia è semplicemente perfetta!! squisite anche le farce, sempre con quel tocco della tua terra che ti contraddistingue. belle le dediche, anche quelle che avresti voluto fare, dici proprio bene, sarebbero proprio indicate all'mtc e alle sue signore in questo particolare frangente...brava!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tuo Cristina è sempre un giudizio importante per me, perché riesci ad entrare nell'essenza della ricetta
      Grazie mille 😉😘

      Elimina
  5. Sempre brava Manu! Sempre emozione con te! 😍

    RispondiElimina
  6. Manu tu sei una persona che io stimo molto, sei anche un'amica alla quale voglio molto bene, scrivere questo commento è più difficile del previsto. La tua dedica non è una dedica, è un concentrato di dediche: a tutti gli affetti e le cose importanti della tua vita. Non mi stupisce che la tua sfoglia sia perfetta, la più bella vista fino a questo momento, perchè ci vuole tanto amore per trattare così bene una pasta difficile o per lo meno noiosetta, e te ce l'hai tutto. Ci vuole anche tanta padronanza delle tecniche e, ancora una volta, te ce l'hai: lo dimostra il fatto che hai completamente piegato la sfoglia a tuo volere, con guizzo ed eleganza, e perchè ci hai regalato non le creme ma le creme d'autore. E in queste tue creme hai messo te stessa, lo hai fatto con la scelta degli ingredienti e con un motivare preciso e delicato ce ha accompagnato ogni tuo passo in direzione di una piccola grande meraviglia. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tua sensibilità è quella che mi ha conquistata appena conosciute, è la stessa che ti ha fatto scavare fra le mie parole per cogliere tutto che volevo regalarti con questi cannoli
      Un grandissimo abbraccio 😘😍

      Elimina
  7. Cara Manu, conoscendoti so quanto sia stato difficile per te fare una dedica così però ammetto che i tuoi cannoli hanno un fascino irresistibile, parlano di te e lo fanno in una maniera elegante, questo per dire che sei speciale e sei stata bravissima.
    Ti abbraccio cara

    RispondiElimina
  8. malattie terribili che colpiscono anche le persone vicine. Parlando delle ricette le trovo veramente golose e nelle mie corde, mele e marroni, come resistere?

    RispondiElimina
  9. Lentamente ma arrivo.
    Sono figlia di una giovinotta che ne ha passate e ne passa di tutti i colori per il suo stato di salute, quindi so cosa vuol dire satare accanto ad una persona malata e lucida. A volte anche io preferirei perdesse la ragione, sarebbe tutto più semplice, egoisticamente ovvio. Poi però penso alla gioia che ha provato nell'assaggiare i miei cannoli e i miei pensieri egoisti ritornano laddove sono nati.
    Anche mia madre ama molto lo strudel, noi lo compravamo surgelato, ovviamente e anche io avevo pensato ad un ripieno simile per poi ripiegare su altro, ma proprio in virtù della mia idea iniziale amo i tuoi cannoncini e li vorrei provare o provare a fare.
    La tua sfoglia è venuta benissimo, friabile e croccante al morso, si vede.
    Bravissima

    RispondiElimina
  10. Sono le malattie che più mi terrorizzano, perchè suscitano in me lo stesso dolore che hai trattenuto in questo post, ma che trapela da ogni riga di questa dedica. E leggo questi cannoli cosi perfetti, queste creme che sono l'ennesima dichiarazione d'amore alla tua terra, come l'estremo tentativo di tornare a quell'ordine e a quel senso che queste malattie hanno spazzato via. E qui riconosco la mia Manu, pratica, operosa e buona. Un aiuto su cui contare sempre, una spalla su cui appoggiarsi, la parola di conforto giusta, al momento giusto. Tieni duro, tesoro. Siamo tutti con te.

    RispondiElimina

Grazie per i vostri commenti e se scrivete come anonimi firmatevi è più carino per me rispondervi

Related Posts with Thumbnails