sabato 24 dicembre 2016

Treccia russa o Corona natalizia per un augurio speciale

Panettoni e pandori la fanno da re in questi giorni, ma per farvi gli auguri ho pensato a qualche cosa di speciale che parlasse di me.

Questo è un lievitato che ho imparato nel lontano 2008 al mio primo corso di lievitati, dove la bravissima Marianne mi fece innamorare di questo meraviglioso mondo dove farina, liquidi e lievito riescono a creare un'alchimia quasi magica per dar vita a delle vere meraviglie. Il pane decorato mi conquistò, ma la treccia russa mi fece perdutamente innamorare e da allora appena ho un po' di tempo mi ritrovo ad impastare e ancor oggi mi affascina osservare gli impasti lievitare.
Allora non avevo ancora un blog e pubblicai la ricetta su un forum, ma poi eccola finalmente trovare casa nel mio piccolo spazio.

Da allora in tante di voi mi hanno dato fiducia provandola, ma in questi giorni Patrizia e Chiara mi hanno emozionato tantissimo riproponendola in veste natalizia ed ho pensato che era giusto farla risalire da quell'angolino del blog e naturalmente la treccia è diventata una corona natalizia prendendo prendendo spunto proprio da due care amiche

Corona natalizia-treccia russa 
Per le foto dei vari passaggi della formatura della treccia vi consiglio di guardare il post originale

Ingredienti
Impasto
10 gr lievito di birra
200 ml di latte
90 gr zucchero
90 gr burro
2 uova intere piccole
125 gr farina bianca per lievitino
400 gr farina bianca per impasto
1 cucchiaino raso di sale
1 pizzico vaniglia in polvere

Farcia
50gr di burro
1 cucchiaio zucchero a velo
1 cucchiaino mix spezie cannella, chiodi garofano in polvere, semi cardamono
polvere di buccia d'arancia
mirtilli disidratati
semi papavero

Sciogliere il lievito nel latte a temperatura ambiente, aggiungere amalgamando con una frusta circa 115 gr di farina bianca setacciata ottenendo una crema densa che poi copriremo leggermente con altra farina bianca setacciata, quindi coprire e far lievitare.
Il nostro lievitino sarà pronto quando in superficie si formeranno delle crepe segno dell'avvenuta lievitazione.
Quando il lievitino è pronto aggiungete un po' alla volta gli altri ingredienti, aiutandovi con una spatola e lavorate bene l'impasto fino a formare una bella palla soffice, ma non appiccicosa che poi metterete a lievitare coperta. 
E' un impasto che si lascia lavorare splendidamente anche a mano.

Preparare la farcia al burro
Mettere in una ciotolina il burro a temperatura ambiente ed amalgamarlo creando una crema con lo zucchero e il mix di spezie che a proprio gusto possono essere più o meno ricche, mettere a parte

Dopo un'abbondante ora a lievitazione avvenuta trasferire l'impasto sulla spianatoia leggermente infarinata (non serve infarinare se usate un piano in marmo) e senza stressarlo troppo stenderlo uniformemente con il mattarello formando un rettangolo regolare.
Spalmare uniformemente la sfoglia, lasciando libero un cm sul lato superiore, con il burro preparato precedentemente, quindi spolverare con la polvere d'arancio, i semi di papavero e i mirtilli disidratati leggermente spezzettati.
Iniziare ad arrotolare la sfoglia stando molto attenti a far combaciare i bordi
Quando il nostro rotolo sarà formato per ottenere un'ottima chiusura dello stesso iniziare a pizzicare leggermente con due dita il bordo di chiusura con lo strato sotto, potremmo osservare come la chiusura si assottiglierà rendendo quasi impercettibile l'unione del rotolo
Volendo preparare una corona ho tagliato il rotolo in due parti uguali e le ho messe perpendicolari sulla spianatoia, poi come per la treccia le ho tagliate verticalmente (per il lungo)con un coltello affilato senza schiacciare lasciando interi i primi 3-4 cm
Una volta tagliati i rotoli e separato leggermente i due lati ho girato con delicatezza parte intera creando la rosa (prendere con la mano la parte iniziale della treccia e sollevarla, tenendo uniti i lembi, e ruotarla lentamente dal basso verso l'alto passandola attraverso i due nastri della treccia ..... foto su post) e poi intrecciare i due nastri lasciando la parte finale un po' larga, allargare anche i petali delle due rose
Trasferire i due rotoli in uno stampo, stando attenti a mettere le rose opposte diametralmente, le rose devono appoggiarsi sopra la parte finale dell'altra treccia in modo da formare una ciambella con due rose equidistanti fra loro. Se si usa una tortiera mettere al centro dei rotoli un coppa-pasta foderato con carta forno, questo permetterà alla corona di non chiudere il centro durante la lievitazione.
Coprire e mettere a lievitare fino al raddoppio
Infornare in forno preriscaldato a 180° per circa 30 minuti.
Non è un grande lievitato con un panettone, ma sono convinta che vi conquisterà e farà felici i vostri ospiti per un'attimo di dolcezza
Se l'avete provata fatemelo sapere e se volete mandatemi una foto sarò felice di pubblicarla nell'album specifico che ho creato sulla pagina fb.

Auguro a Patrizia, Chiara e tutte voi 
che mi seguite ed apprezzate le mie proposte 
i migliori auguri per un Natale di serenità 
e virtualmente questa Corona natalizia e per Voi

Grazie e tantissimi Auguri 

Stampa tutto il post

5 commenti:

  1. Riesci sempre a dare quel consiglio in più per l'ottima riuscita di una ricetta. La prossima volta proverò a farla a mano, il tuo impasto non ha minimamente perso la forma in fase di lievitazione. Sempre bravissima

    RispondiElimina
  2. Bellisima versione.. tanti auguri!

    RispondiElimina
  3. magnifica O_O Tantissimi auguri di buone feste <3

    RispondiElimina
  4. La tua è eccezionale. Dopo molti anni anche io quest'anno l'ho rifatta per Natale in una versione al caffè e cioccolato bianco. Tanti auguri!

    RispondiElimina
  5. Wow bellissima! Complimenti e tantissimi auguri di buone feste!

    RispondiElimina

Grazie per i vostri commenti e se scrivete come anonimi firmatevi è più carino per me rispondervi

Related Posts with Thumbnails