Schnalser-nudeln - pasta tipica della Val Senales

Con L'Italia nel Piatto questo mese facciamo un viaggio per conoscere "I formati di pasta della tradizione locale" della nostra bellissima Italia. 
La pasta non è tipica delle nostre vallate, ricche di zuppe, canederli e spatzle sono andata a cercare qualche cosa di nicchia che potesse raccontare quanto tradizioni e scambi hanno saputo rendere grande il nostro territorio molti di più di quello che si possa pensare.
 

Una pasta, tipica della Val Senales in Alto Adige, preparata con la farina di segale e servita con burro fuso di cottura e formaggio, come contorno di selvaggina o in versione dolce con marmellata di mirtilli. 
Gli schnalser-nudeln sono degli spaghetti sottilissimi in cui impasto compatto viene estruso da uno speciale torchio per pasta molto simile al bigolaro veneto.
Si pensa che questo torchio sia stato proprio portato dai mercanti veneziani che risalivano fino in valle per acquistare i larici di Schanalser. 
Particolarità i questa pasta è che non viene lessata, ma saltata in padella e rosolata in abbondante burro fuso, mescolati e frantumati con la forchetta, possono venire serviti anche in padella. 

Schnalser-nudeln

Ricetta, adattata nelle quantità, del Gasthof Oberraindlhof  

Per 2 persone

200 g di farina di segale integrale
150 g di quark o ricotta
1 cucchiaino di sale
100 g di burro

Purtroppo per prepararla non avevo lo speciale torchio e in questo periodo impossibile raggiungere la val Senales per procurarmelo e quindi ho cercato di prepararli utilizzando una farina di segale integrale ed estrudendoli, con un po' di forza, con lo schiacciapatate. 

Impastate tutti gli ingredienti fino ad ottenere un impasto compatto. Quindi premete attraverso il torchio per pasta, nel mio caso con lo schiacciapatate.  Cercare di distribuire bene la pasta per evitare si attacchi.

Scaldate il burro in una padella, non fatelo rosolare, aggiungete gli Schnalser-nudelnl, mescolate bene e toglieteli quando saranno cotti.
Servite spolverati con del grana grattugiato. 

Notizie raccolte qui 

Ecco le delizie della nostra cucina  

Valle d’Aosta: Gnocchi “alla bava” 

Piemonte: Tajarin, i tagliolini piemontesi al Ragù di Cinghiale  
Liguria: farfalle con piselli e prosciutto 
Lombardia: Ravioli alla valtellinese con fonduta di taleggio e bresaola 
Trentino-Alto Adige: Schnalser-nudeln - pasta tipica della Val Senales
Veneto: Bigoli al torchio con ragù d’anatra 
Emilia-Romagna: I balanzoni bolognesi 
Toscana: Pappardelle al ragù bianco di coniglio 
Marche: Cargiù marchigiani 
Umbria: Manfricoli di Narni, pasta fresca senza uova 
Lazio:  Le fettuccine all’uovo 
Abruzzo: Taccozze e lenticchie 
Molise: Crioli o lacci delle scarpe al ragù di agnello 
Campania: Scialatielli con gamberetti, cozze e polipetti
Puglia: Troccoli con le vongole               
Basilicata: I cavatelli 
Calabria: Pasta chijna cu u stoccu 
Sicilia: Busiate Trapanesi con Matarocco Maissalisi 
Sardegna: Spizzulus di Orroli al Cannonau 

Facebook: https://www.facebook.com/LItaliaNelPiatto/

Instagram: @italianelpiatto

Prova anche tu a realizzare una ricetta inerente al tema del mese, pubblica una foto
sul tuo account IG utilizzando #italianelpiatto_community
e tagga @italianelpiatto. Italia nel piatto blog




Commenti

  1. Mi piacerebbe proprio assaggiarli e là, intendo in Val Senales, un miraggio proprio! Un abbraccio Manu :)

    RispondiElimina
  2. ma che interessanti!!! Davvero molto particolari e poi hai messo un link dove si trovano delle vere chicche altoatesine! Che bella la tua regione!!! <3

    RispondiElimina
  3. Strepitosa come sempre. Immagino quanto sua difficile lavorare questo impasto con lo schiacciapatate e per te sembra una cosa facilissima. Applausi

    RispondiElimina
  4. Non deve esser affatto facile preparare questo primo piatto, ma allo stesso tempo credo sia di una soddisfazione servirlo in tavola, e indubbiamente gustoso!

    RispondiElimina
  5. Ma che bella ricetta! Certo che la nostra Italia ci riserva dei piatti e dei prodotti veramente incredibili! Non avevo mai sentito parlare di questa pasta, mi piace tantissimo così come mi piacciono molto le tue foto! Mi piacerebbe assaggiarla! un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Che bella ricetta, molto interessante!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per i vostri commenti e se scrivete come anonimi firmatevi è più carino per me rispondervi

Post più popolari