lunedì 14 gennaio 2013

Pici con radicchio e ricotta in coppette di grana

Acqua e farina da sole bastano per poter creare un piatto di pura poesia che parla di tradizione contadina, di passione e amore per le cose semplici lontane dal logorio della vita moderna ………… utopia? 

No basta solo lasciarsi catturare dai pici che Patty ha proposto per MTC di gennaio, il primo del nuovo anno e tanto atteso dopo la pausa di dicembre. 
Il suo è un post meraviglioso, che ci fa innamorare immediatamente dei pici e la sua ricetta è veramente splendida, migliore di quella che conoscevo io. 
Oggi complice una giornata che non invogliava ad uscire, o forse essendo la mia prima domenica non lavorativa da novembre, desideravo proprio dedicarmi un po’ con calma alla cucina per pranzo ho cucinato uno splendido coniglio con la polenta di patate e poi nel pomeriggio ho preparato questi splendidi pici per cena. 

E’ un impasto bellissimo che si lascia “filare” senza problemi, vi riporto la ricetta di Patty però vi consiglio di leggere il suo post ricco di consigli. 

Dosi per 4 persone 
200 gr di farina 00 
100 gr di farina di semola rimacinata 
2 generosi cucchiai d’olio extra vergine 
1 pizzico di sale 
acqua (circa un bicchiere) 

La farina di semola rimacinata serve a dar struttura all'impasto. 
Setacciare le due farine e fare la fontana, al centro mettere l’olio, un pizzico di sale e lentamente l’acqua e incominciare ad incorporare tutta la farina. 
Quando la pasta comincerà a stare insieme, cominciate ad impastare con energia utilizzando il palmo delle mani vicino ai polsi e cercate di non strappare la pasta per non sfibrarla, ma massaggiarla fino ad ottenere una pasta liscia, vellutata e abbastanza morbida. 
Fare riposare una mezz'ora avvolta nella pellicola. 
Quando la pasta è riposata, tagliarne un pezzetto e stenderla con il matterello ad uno spessore di 1cm e tagliarlo con un tagliapasta a striscioline di 1cm, coprire il resto della pasta perché non si secchi. 
Cominciate a "filare" i pici, rollando la pasta con il palmo delle mani e contemporaneamente stirandola verso l'esterno.
Si tirano facilmente, non tutti sono perfetti ma devono essere così parola di Patty.
Quando si tirano pici molto lunghi, la tecnica è quella di tirarli da un lato tenendo l'altra estremità con il palmo e piano piano allungandoli fino ad esaurire la pasta. 
I pici una volta tirati si fanno rotolare nella semola affinché non si appiccichino. 
Una volta tirati li ho lasciati sulla spianatoia spolverata con un po’ di semola
A cena li ho cotti in abbondante acqua, mentre l’acqua bolliva ho preparato delle coppettine di grana mettendo un po’ di grana al forno e poi appena sciolto messo a raffreddare su una coppetta rovesciata.
I pici cotti li ho poi conditi con un sughetto semplice di radicchio a listarelle leggermente passato in padella e ricotta fresca e serviti nella coppetina di grana
 …………………. da leccarsi letteralmente i baffi!!!!
Una cena veramente speciale con un piatto che nasce dalla nostra tradizione, non servono piatti ricercati per deliziarci, anche con solo acqua e farina si possono creare dei capolavori da gustare

Grazie come sempre ad Alessandra, Dani e Patty per questa meravigliosa ricetta
Con questi splendidi pici auguro buona settimana a tutti
Stampa tutto il post

21 commenti:

  1. meravigliosi e poi adoro il gusto deciso delle cialdine di grana, sai che fino ad ora le ho sempre fatte in padella, proverò anche in forno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao e grazie
      fare le cialdine in forno per me sono più pratiche e profumi di meno la casa
      buona settimana
      Manu

      Elimina
  2. Complimenti, ha un aspetto molto invitante, sicuramente è da leccarsi i baffi!
    Poi leggo che hai cucinato anche il coniglio che io adoro!

    RispondiElimina
  3. eccola! ma come sarai brava!
    i tuoi pici sono così perfetti che quasi non sembrano veri!
    e il sughetto, una delizia!
    sempre splendida, complimenti come sempre...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara sempre gentilissima, mi fai arrossire
      baci Manu

      Elimina
  4. ti confermi una maga degli impasti, anche quando si tratta di usare il mattarello. pici assolutamente perfetti e quello che più lascia basiti è la disinvoltura con cui lavori e commenti i risultati: fai sembrare tutto facile, anche quando non lo è.
    La stessa eleganza anche nella scelta degli ingredienti del condimento: tutti prodotti a km 0 e si sa che certi zeri in certe zone han più sapore che altrove ;-) insomma, come sempre, un gande contributo al nostro gioco, con una costanza e un attaccamento che ci rende onorati di avere una concorrente come te.
    Grazie, grazie, grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ale,
      no non penso di essere una maga, ma lo faccio con passione e questo aiuta moltissimo e poi se una ricetta è spiegata bene è molto più facile ripeterla
      E' un po' la passione con cui ho iniziato il blog, anche una ricetta semplicissima letta su un libro sembra impossibile, ma se te la spiega chi la fa sa darti dei piccoli accorgimenti che ti portano a creare cose meravigliose.
      GRAZIE DI VERO CUORE
      Manu

      Elimina
  5. Ciao Manu!!!!!
    Connubio interessante, fra sapori e prodotti appartenenti a regioni e tradizioni culinarie diverse...un bel modo di unire la nostra Italia! Bravissima, come sempre.
    Ciao, a presto, Mela.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille carissima
      un abbraccio Manu

      Elimina
  6. Mi piace tutto di questa ricetta! La splendida manualità con cui hai realizzato i pici, la perfezione della presentazione, ma soprattutto l'accostamento di sapori che trovi fantastico!

    RispondiElimina
  7. Ciao, ho appena trovato il tuo blog e la prima ricetta che leggo è questa, molto molto invitante, sopratutto la presentazione, complimenti.

    RispondiElimina
  8. Carissima Manuela, i tuoi pici sono perfetti! ma che imperfezione e imperfezione....potrei dire che li hai fatti da una vita. Sono incantata e sarà l'orario, ma sto salivando vergognosamente. Mi ripeto: leggere del vostro entusiasmo di fronte alla ricetta mi riempie di gioia ed orgoglio, perché sono certa che di tanto in tanto avrete voglia di filare i vostri pici speciali e porterete un po' di Toscana sulle vostre tavole.
    Ti ringrazio per la grande passione e la bellissima ricetta. Un abbraccio, Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Patty,
      perfetti non lo sono, ma ammetto che sono venuti bene del resto la tua ricetta è veramente fantastica e spiegata perfettamente e poi la tua passione nel raccontarli ha dato quel quid in più che ci ha fatto appassionare
      un abbraccio
      Manu

      Elimina
  9. Che dire....sicuramente da leccarsi i baffi...e molto di più. Hanno un aspetto delizioso e sono anche molto chic presentati con la cialda

    RispondiElimina
  10. ma che buono questo condimento adoro il radicchio e i fai venir una voglia maròòòòòò e poi posso dirti che se davvero bravissima, i tuoi pici sono splendidi e perfetti ^^

    RispondiElimina
  11. Grazie mille ragazze
    buona domenica con la neve
    Manu

    RispondiElimina
  12. Pure la coppetta di grana? Ma non ci posso credere!!!! BRAVAAAAAA!!!!

    RispondiElimina
  13. Vado pazza per l'impiattamento.
    Presentazione davvero originale con la coppetta di grana che affianca i pici. pici per il quale non si può non spendere una parola: sono fatti benissimo, da professionisti! (della misura giusta, tutti grandi uguali.. e sugooooosi) :D
    Un saluto.

    La ragazza Fior di Zenzero
    https://fiorzenzero.blogspot.it

    RispondiElimina

Grazie per i vostri commenti e se scrivete come anonimi firmatevi è più carino per me rispondervi

Related Posts with Thumbnails