lunedì 14 maggio 2012

Poker di grissini ..... salamino, cipolla, semola, semi


Primavera tempo di scampagnate, aperitivi, buffet quindi cosa c’è di meglio se non di un bel poker di stuzzicanti grissini. 

Un bel cestino di grissini sembra essere lì e dirti 
“….. prendimi e sgranocchiami …..” 

e questo poker l’ho preparato per il secondo appuntamento di “ARTISTI SOTTO I PORTICI”
una bella esperienza anche umanamente parlando perché trascorrere una giornata con gli artisti presenti ti arricchisce e la maggior parte dei passanti hanno dimostrato di apprezzare di vivere la città in modo diverso.
Prima delle ricette, qualche scorcio di una via Suffragio un po' assonnata alle 8 di mattino in attesa degli artisti 
via Suffragio 
i portici dal basso
portici dall'alto

I grissini di oggi partono da l'idea degli spiedini di pane e da due impasti base molto semplici  

Grissini stirati alla semola e grissini ai semi 
12,5gr lievito di birra (mezzo cubetto) 
500gr farina 0 (proteine 13,5) 
2 cucchiai olio 
125gr latte 
125gr acqua 
1 cucchiaino malto d’orzo 
12gr di sale 

semola di grano duro per spolverare 
semi di papavero e sesamo per decorare 

Grissini salamino e cipolla 
12,5gr lievito di birra (mezzo cubetto) 
500gr farina 0 (proteine 13,5) 
2 cucchiai olio 
250gr acqua 
1 cucchiaino malto d’orzo 
12gr di sale 

fette sottili salamino per farcire 
cipolla per farcire *(vedere sotto)

Lavorare gli impasti base separatamente ed amalgamare bene gli ingredienti, fino ad avere un impasto ben lavorato morbido ma non troppo. 

Grissini stirati alla semola e ai semi 
Una volta lavorato bene l’impasto dividerlo in due, una parte d’impasto metterlo in una ciotola coprirlo con pellicola e farlo lievitare fino al raddoppio. 

L’altra metà stenderla in un filone di circa 20x10 e metterlo a lievitare su uno strato di farina di semola (in una teglia o spianatoia) spennellarlo abbondantemente con olio e quindi ricoprirlo tutto con altra semola, coprire e far lievitare fino al raddoppio. 

Grissini al salamino e alla cipolla 
*La cipolla per questi grissini deve essere precedentemente tagliata a fettine sottili messa in una ciotola con del sale a spurgare un po’ d’acqua quindi dopo una decina di minuti farla rosolare leggermente per qualche minuto in una padella con un filo d’olio, quindi metterla a raffreddare. 

Una volta preparato il nostro impasto dividerlo in due parti come per l’impasto precedente. 

Per i grissini al salamino prendere una parte d’impasto e lavorarlo un po’ per amalgamare delle fettine sottili di salame che per amalgamarle meglio le aggiungiamo a pezzettini o tritato, non serve lavorare molto giusto il tempo che il salame sia distribuito uniformemente, appena amalgamato mettere l’impasto in una ciotola coprire con pellicola e far lievitare fino al raddoppio. 

Per i grissini alla cipolla prendere l’atra parte dell’impasto e lavorarlo aggiungendo la nostra cipolla che ne frattempo si sarà raffreddata (mi raccomando non calda comprometterebbe la lievitazione) amalgamare il tutto e se fosse necessario aggiungere un po’ di farina, ma non troppa l’impasto deve rimanere morbido. Appena l’impasto sarà ben amalgamato metterlo in una ciotola coperto con pellicola e far lievitare 

Quando i nostri impasti saranno ben lievitati non ci resta che formare i nostri grissini 

Tutti gli impasti nelle ciotole (tranne quelli alla semola) andranno divisi in porzioni da 20gr (o 10gr per grissini più piccoli come i miei) circa per poi poter formare i grissini e metterli su una teglia a lievitare per una decina di minuti. 

Grissini ai semi 
Dividere l’impasto in piccole porzioni 10gr (o 20gr per grissini più grandi) con ogni pezzettino d’impasto formare dei bastoncini sottili che poi annoderemo all'estremità, che verrà immersa velocemente in un po’ d’acqua e poi subito in una ciotola con semi di sesamo o papavero quindi mettiamo il grissino in una teglia leggermente distanziati e faremo lievitare per circa 15 minuti 

Cuocerli a 200° per circa 14-18 minuti, quindi sfornarli e metterli su una griglia a raffreddare. 

Grissini al salamino e cipolla 
Entrambi gli impasti vanno divisi in porzioni da 10gr (o 20gr per grissini più lunghi) con ogni pezzo d’impasto si creano dei sottili bastoncini che andranno messi su una teglia leggermente distanziati a lievitare per circa 15 minuti e poi cuocerli a 200° per circa 15 minuti. 
Soprattutto i grissini al salamino non seccateli troppo, sono più buoni se lasciati un po’ morbidi. 

Se fate i grissini più lunghi con 20gr potete anche attorcigliare il bastoncino come una treccia, ma con 10gr risulterebbe troppo tozzo. 

Grissini stirati alla semola 
Questi grissini devono andare subito in forno quindi preparateli quando il forno è già quasi caldo. 
Con un coltello e con una spatola (io uso la spatola) tagliare il nostro impasto a bastoncini larghi circa un dito. 

Prendere ogni bastoncino al centro e con le dita assottigliarli tirandoli leggermente verso l’esterno, quindi metterli su una teglia spolverata di semola leggermente distanziati tra loro, io volendo fare dei grissini più corti una volta stirati ho diviso ogni striscia circa in tre parti. Attenzione non rimpastate i grissini se avete un pezzettino troppo piccolo cuocetelo così. I bastoncini si possono ruotare leggermente dando una forma a spirale …………..

Cuocerli subito a 200° per circa 18-20 minuti 
Deliziosi questi grissini stirati delle Simili tratti dal loro libro “Pane e roba dolce” 

Quando tutti i grissini saranno cotti, metterli su una griglia a raffreddare in attesa di servirli in un bel cestino 

Il successo è assicurato, spariscono come la neve al sole
Questo un piccolo scorcio con i quadri della pittrice Claudia Bertera

Buona settimana a tutti



Stampa tutto il post

13 commenti:

  1. Sfiziosissimi i tuoi grissini!!
    Da quale comincio?
    Un abbraccio Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille cara
      direi che i più gettonati sono stati quelli al salamino, seguiti da quelli alla cipolla ma solo perchè non a tutti piace la cipolla
      un salutone
      Manu

      Elimina
  2. Ma che ricetta deliziosa!! Complimenti davvero, deve essere buonissima!!
    PS: passavo per invitarti a partecipare al mio primo contest: "Arcobaleno in cucina" ^_^
    http://www.cucinachetipassa.info/2012/05/arcobaleno-in-cucina-1-contest.html

    RispondiElimina
  3. Questi grissini sono meravigliosi... che voglia!!!! Ti abbraccio, a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille cara
      te ne offrirei volentieri un paio
      Ciao Manu

      Elimina
  4. che meraviglia manu!
    il tuo "bouquet" di grissini è fantastico.
    quelli col nodino sembrano cake pops. grissin-pops?
    e poi bella l'iniziativa, lo sai che quando vedo trento mi commuovo sempre un po'...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gaia carissima
      i grissini con il nodino sono proprio simpatici sopratutto se sono più lunghi, ma qui mi servivano più corti ..... certo sarebbe bello se sotto i portici potessoi offrirti un caffè ..... chissà prima o poi forse capiterà
      un abbraccio Manu

      Elimina
  5. Complimenti per la tua citta mi sembra molto interessante eche dire dei grissini li mangeresti gia con gli occhi brava un abbraccio Caterina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Caterina,
      che piacere ........... certo Trento è carina con i suoi pregi e difetti ...... i grissini sono sempre un successo
      un abbraccio
      Manu

      Elimina
  6. davvero belli e sfiziosi...ma scusa l'ignoranza....dove lo recupero il malto d'orzo? grazie e complimenti Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura,
      il malto (d'orzo o altri) li trovi o al supermercato o nei negozi tipo "Natura si" è una specie di miele ma se non lo trovi non preoccuparti puoi sostituirlo con un cucchiaino di zucchero o del miele
      ciao e grazie
      Manu

      Elimina
  7. mangerei tutto il cestino, sono bellissimi Manu, complimenti!Un bacione e grazie di cuore :)

    RispondiElimina

Grazie per i vostri commenti e se scrivete come anonimi firmatevi è più carino per me rispondervi

Related Posts with Thumbnails