sabato 16 agosto 2008

Gigli mitici........di "Bertelli"

I gigli a voi non diranno niente,
ma chi conosce questa pasticceria di Trento sicuramente li ha mangiati almeno una volta

Mi ricordo quando ero piccola e si comperavano le paste nelle grandi occasioni.....................non potevano certo mancare e guai prenderme uno solo.........

Il Giglio fu inventato proprio dal capostipite della pasticceria negli anni trenta


Per la crema:

100gr nocciole tostate
50gr zucchero
100gr burro
150gr albume
120gr zucchero
acqua quanto basta


Per corolla:

200gr farina
10gr zucchero
10gr burro
1 uovo intero
acqua quanto basta


Mettere gli ingredienti per la corolla sulla spianatoia e preparare una pasta molto dura simile a quella delle tagliatelle
poi stenderla con il mattarello sottilissima in un quadrato di 40cm circa di lato


Ritagliare dei quadrati di circa 8cm di lato, ricaverete 25 corolle
Ora servono degli stampini da 5cm di diametro, meglio se fossero lisci


Se come me non li avete potete usare quelli delle tartarelle...........o altro stampino piccolo
Prendete un quadratino di pasta e lo appoggiate sullo stampino, spingendo il centro verso il fondo in modo che i quattro angoli si rivoltino in su a becco Cuocere nel forno a 200° per dieci minuti

Ora prepariamo la crema
Macinare molto finemente le nocciole con lo zucchero e montare la miscela ottenuta con il burro
Mettere lo zucchero con un po' d'acqua in un pentolino e cuocere fino a formare delle dense bolle o fino a quando lo zucchero fa il filo
Quando lo zucchero è quasi pronto iniziare a montare gli albumi e poi aggiungere, agli albumi che stanno appena montando, lo zucchero bollente a filo (pastorizzazione)
Continuare ad aggiungere lo zucchero bollente, in modo lento e continuo, stando attenti a non scottarsi.
Continuare a montare fino al raffreddamento
L'albume sarà bianchissimo e molto denso
Adesso negli albumi, montati e freddi, aggiungere molto delicatamente le nocciole montate con lo zucchero, mescolare delicatamente, dal fondo verso l'alto della bacinella
Mettere l'impasto ottenuto in un sac a poche con un bocchetta liscia da 1cm e riempire le nostre corolle, fin che sono belli gonfi alla fine grattuggiare sopra un po' di cioccolato fondente

Ed ecco i nostri Gigli delizia per il palato
delizia da mangiare "Mitico" Giglio

Non li conscevate................non potrete più farne a meno
Stampa tutto il post

3 commenti:

  1. ma ciao tesoro! non sapevo avessi un blog! hai fatto benissimo!!! ora passerò a trovarti spesso... salvo subito nei preferiti...

    un bacione

    RispondiElimina
  2. Ciao carissima smack! Mi fa molto piacere che sei passata e grazie di considerarmi fra i tuoi preferiti

    è ancora un po' in costruzione, ma sta venendo proprio come piace a me
    ti aspetto
    grazie smack

    RispondiElimina
  3. si si i gigli di bertelli, come dimenticarli? la domenica, la mia nonna, quando ero da lei me li comprava sempre! e com'erano buoni...

    RispondiElimina

Grazie per i vostri commenti e se scrivete come anonimi firmatevi è più carino per me rispondervi

Related Posts with Thumbnails