mercoledì 25 settembre 2013

Ravioli alle biete e ricotta con fichi glassati

Settembre è un mese bellissimo e la natura giorno dopo giorno assomiglia sempre più alla tavolozza di un pittore ……………… e quale poteva essere la ricetta di MTC se non un piatto che coi suoi profumi parla di tradizione come le raviole del plin proposti da Elisa?

“ Splendida ricetta peccato doverci rinunciare, a settembre io non riesco proprio a trovare il tempo ” ……
Questo è stato il mio primo pensiero, ma poi ………. per me l’appuntamento con MTC è importante non riesco a rinunciarci è come una cena fra amiche a cui si fa di tutto per partecipare a questo aggiungete che si è risvegliato in me quell'atmosfera bolognese che mi ha dato i natali e sono sicura che l’aria respirata in quel primo anno di vita ogni tanto nella mia cucina esce prepotente.

Ecco perché non potevo non fare questa splendida ricetta che per me doveva essere come un quadro d’autunno …………….. un’esplosione di profumi e colori e così ecco i miei ravioli del plin di biete e ricotta al burro fuso con fichi glassati

Pasta per 4 persone
200gr farina 0
2 uova intere

Ripieno
biete lessate (foglia verde)
ricotta
1 cucchiaio fiocchi di patate
grana trentino grattugiato
noce moscata
sale e pepe

per condire ed accompagnare
burro
salvia
grana trentino
fichi

Preparare la pasta per i ravioli amalgamando le uova con la farina e lavorare per una decina di minuti fino ad avere un impasto liscio che faremo riposare per circa 30 minuti coperto da pellicola o da una ciotola

Mentre l’impasto riposa saltare le biete (già lessate) con una noce di burro per qualche minuto, quindi farle raffreddare e tritarle poi aggiungere la ricotta, un po’ di grana e il cucchiaio di fiocchi di patate mescolare bene per amalgamare tutto il ripieno insaporendolo con un po’ di noce moscata, sale e pepe.

A questo punto prendere l’impasto riposato e tirarlo in una sfoglia molto sottile (si può fare anche a macchina) quindi tagliarlo a strisce su cui metteremo a poca distanza una dall'altra delle piccole palline di ripieno.
Piegare la sfoglia e pizzicare la pasta tra una pallina e l’altra 

Dopodiché tagliare i ravioli con la rotella, partendo dalla parte chiusa e muovendosi verso i due lembi sovrapposti.

E’ importante lavorare con poca pasta per volta in modo da non farla asciugare troppo. Ogni volta che i ravioli sono pronti, disporli su dei tovaglioli puliti e spolverizzarli con farina.

Quando i nostri ravioli saranno pronti cuocerli in acqua bollente e salata, quindi condirli con burro fuso e salvia. Prima di cuocere i ravioli o mentre aspettiamo che l’acqua bolla, prendere un paio di fichi tagliarli a spicchi e glassarli in un padellino con del burro fuso per 1-2 minuti, quindi metterli nel piatto di portata.

Appena cotti e passati nel burro fuso disporre i ravioli nel piatto dove abbiamo adagiato i fichi, spolverare con un po’ di grana grattugiato e qualche mandorla a scaglie e servire subito.

Con un piatto così anche chi non ama la verdura non saprà rinunciare ad assaggiarli

Grazie come sempre alle splendide ragazze di MTC ed Elisa per questa splendida occasione




Continua a leggere....

martedì 3 settembre 2013

Risotto ai finferli e un lago di Garda spettacolare per un buon inizio

E' da moltissimo tempo che non riesco a dedicarmi al mio piccolo blog.
Siamo già a settembre, un mese ricco di colori e profumi, l’autunno si avvicina e la natura diventa come la tavolozza del pittore ricca di infinite sfumature un risotto con i profumi del bosco è un piatto delizioso per festeggiare la nuova stagione che sta arrivando e con l'augurio che sia un buon inizio/rientro per tutti



Prima di un buon risotto ai finferli, uno scorcio dello splendido lago di Garda in una bellissima domenica di inizio settembre visto dal Corno di Nago

Finferli freschi o già cotti
350gr riso per risotti
sale e pepe
brodo vegetale
una noce di burro
una piccola cipolla
vino bianco

Pulire i finferli, tagliarli se sono grandi ma non a pezzi troppo piccoli è bello in un risotto poter distinguere il fungo. Farli cuocere per circa 15 minuti con un filo d’olio, uno spicchio d’aglio e una manciata di prezzemolo. Quando i nostri finferli saranno cotti, ma si possono usare anche dei funghi cotti avanzati, tagliare a cubetti una cipolla e metterla ad imbiondire con un filo d’olio nella pentola a pressione. Quando la cipolla sarà pronta aggiungere il riso e tostare leggermente quindi aggiungere i finferli, un po’ di vino bianco e far insaporire ed amalgamare il tutto per un paio di minuti.

A questo punto aggiungere al riso e ai funghi il brodo vegetale, quel tanto che basta fino a coprire il riso con un dito, mescolare e chiudere la pentola a pressione. Alzare la fiamma ed attendere il sibilo, dal sibilo calcolare 7 minuti di cottura. A cottura avvenuta sfiatare la pentola a pressione, quindi aprirla e mescolare bene il riso, aggiungere una noce di burro e del grana grattugiato e farlo mantecare. Aggiustare di sale e pepe a proprio gusto, servire ed assaporare i profumi dell’autunno.

Buon inizio di settembre a tutti
Continua a leggere....
Related Posts with Thumbnails