sabato 31 gennaio 2009

Krapfen

Ottimi krapfen per il nostro carnevale, è una ricetta presentata da PAPUM (di cook)



500gr di farina 00 e manitoba (in parti uguali)
60gr di burro
35gr di zucchero
1 uovo
7gr di sale
35gr di lievito di birra (anche meno se fate una lievitazione lunga)
250gr d'acqua
vaniglia o limone

Impastare tutti gli ingrediante con metà dose d'acqua
quando si sarà formata la palla aggiungere lentamente il resto dell'acqua
Quando il nostro impasto sarà bello liscio, metterla a riposare percirca 15 minuti
poi stenderla e con un taglia pasta fornare dei cerchi di circa 8cm di diametro e metterli a lievitare





Quando sono lievitati (non troppo)





prenderli con una spatola e buttarli delicatamente nell'olio a 180°, quando la parte sotto si è colorita, li giriamo e cosi quando sarà colorita anche la parte superione i nostri krapfen saranno pronti


se volete si possono fare anche delle ciambelle basta fare in buco con un coppapasta piccolo
Il buco della ciambella serve per testare e l'olio è caldo, se tuffiamo il buco e viene subito a galla allora i nostre krapfen sono pronti, per essere cotti
La pasta infatti deve galleggiare, se va a fondo e ci rimangono non sono lievittati abbastanza
Adesso non ci resta altro che farcirli con della creama pasticcera o cioccolato
Ecco i krapfen


................... questo spetta a me ..........................

favolosi

slurposissimi

da annathenice

Consiglio piccolo ma utile per non far sgonfiare nemmeno un pò le ciambelline.

Metterle a lievitare su carta da forno.

Tagliare i quadrati dove sono lievitati e immergerli con tutta la carta nell'olio bollente. ( lo vedete dalla foto con l'olio)

Continua a leggere....

venerdì 30 gennaio 2009

Muscolo brasato

Quando si lavora e si torna a casa alle 12.40 non è sempre facile mettere in tavola per le 13.10 un pranzetto particolare


Io spesso mi preparo qualche bell'arrosto la sera precedente
uno di questi è sicuramente il brasato

Prendere un bel pezzo di muscolo, pezzo delizioso, e metterlo a rosolare in una pentola a pressione con della cipolla tagliata grossolanamente o ancor meglio con dei porri a rondelle

è molto importante rosolare molto bene la carne da entrambi i lati in modo da sigillarla e non permettere ai suoi succhi d'uscire

quando sarà ben rosolata regolare di sale e pepe e aggiungere un bel bicchiere di vino e dei pelati, o pomodori maturi freschi a seconda della stagione e far cuocere per 45 minuti circa dal fischio (io uso la pentola a pressione) dipende molto anche dal peso del nostro pezzo di carne

quando il nostro brasato sarà cotto e un po' raffreddato, si taglia meglio, tagliarlo a fettine e con un frullatore ad immersione frullare il nostro sughetto. Io lo faccio il giorno dopo quando torno a casa.
Aggiungere le fette di brasato al nostro sughetto frullato e mettere sul fuoco e far rapprendere leggermente, così anche la carne si riscalderà perfettamente
non ci resta che preparare una bella polentina istantanea e servire in tavola
un pranzetto ottimo che sarà molto apprezzato
Grazie

Ringrazio Laura del blog cucinare hip dedicato tutto alla pentola a pressione che ha pubblicato questo splendido brasato per condividerlo con i suoi lettori
Continua a leggere....

giovedì 29 gennaio 2009

Sfogliatelle e fagottini ai porri

Questa è una torta salata che faccio spesso
però oggi avevo ancora dei porri nell'orto, finalmente liberati dalla neve e un pezzo della splendida pasta sfoglia di Morè e ho pensato di fare la stessa torta salata in una veste un po' nuova


300gr pasta sfoglia
3-4 porri medi
50gr pancetta affumicata
1 uovo
1 cucchiaio di grana
sale pepe

Tagliare a rondelle i porri e metterli ad inbiondire in una padella con un goccio d'olio e la pancetta tagliata a cubettini
Lasciare cuocere per una decina di minuti o fino a quando i porri saranno ben imbionditi, aggiugere sale e pepe

Nel frattempo accendere il forno a 200°

Stendere la nostra sfoglia, con il mattarello, abbastanza sottile e dividerla in quattro parti e poi bucherellarla nella parte centrale
Sbattere leggermente l'uovo a cui aggiungeremo un bel cucchiaio di grana e mescolare per amalgamare, mettere il composto di uova nei porri tiepidi e mescolare bene

Se l'impasto fosse troppo secco aggiungere un cucchiaio di latte, attenzione però l'impasto non deve essere sostenuto non troppo liquido
Ora mettere l'impasto nel centro dei pezzi della sfoglia cercando di distribuire uniformemente lasciando liberi i bordi di contorno

Poi un po' alla volta chiudere i fagottini, oggi ho fatto tutti i fagottini diversi ma potete chiuderli come volete

Se vi avanzano dei pezzettini di pasta potete fare delle decorazioni sul fagottino
Trasferire sulla carta forno e mettere in forno caldo per circa 30 minuti


Guardate come sono venuti tutti belli ...............


e qui pronti per essere mangiati


Anche in questa versione è stato un successo e con questa sfoglia uno spettacolo
Continua a leggere....

lunedì 26 gennaio 2009

Fiore profumato per .................. Serena

Questo è pane molto simpatico adatto per accompagnare una cena o per un rinfresco dove ognuno può staccarsi il pane preferito

25gr lievito di birra (si può usare mezzo cubetto se si ha tempo per far livitare)
250ml circa d'acqua
500gr farina bianca
100gr farina di segale
1 cucchiaino di sale
semi vari qui girasole, papavero e cumino

Preparare il lievitino mettendo in una ciotola l'acqua tiepida, il lievito sminuzzato e tanta farina (presa dal totale che serve)in modo da formare una crema densa che lasceremo riposare coperta con un velo di farina per circa 30 minuti
Trascorso il tempo, il nostro lievitino sarà cresciuto e un po' alla volta aggiungiamo il resto della farina e il sale e impastiamo fino ad avere un bel panetto morbido e ben lavorato
Se servisse (dipende dalla capacità della farina di assorbitre liquidi) aggiungere un po' d'acqua o un po' di latte a piacere Mettere l'impasto in una ciotola, coprire e mettere a lievitare per 1 ora in ambiente tiepido
L'impasto dovrà raddoppiare il suo volume

A lievitazione avvenuta prendere l'impasto metterlo sulla spianatoia infarinata e sgonfiarlo fino a portarlo al volume iniziale e dare una forma a salsicciotto

Ricavare dal nostro rotolino di pasta 13 pezzi uguali di circa 60gr e farne delle palline.
La tecnica per le palline si può vedere nel pane decorato

Prendere una ciotolina d'acqua e una coppetta per i nostri semini e preparare una teglia con della carta forno.
Prendere una pallina alla volta e appoggiarla leggermente nella ciotolina d'acqua, poi passarla nei semini schiacciando leggermente per far aderire i semi



Con le palline con i semi adesso realizziamo il nostro fiore mettendo una pallina al centro della teglia disporre le altre 6 attorno per il primo giro di petali e poi un secondo ordine di petali con le 6 palline rimaste, che si devono sistemare sfalsate rispetto al giro precedente

Per me il centro del fiori è coi semi di papavero, poi semi di girasole e i più esterni sono con i semi di cumino
Il nostro fiore è ora pronto per essere messo a lievitare coperto e in luogo tiepido per circa 40-50 minuti
Questo il nostro fiore lievitato vedete i petali si sono uniti

Adesso accendere il forno a 200° circa, quando raggiunge i 100° si può infornare il fiore, così lieviterà ancora e poi far cuocere per 15 minuti calcolando il tempo quando vengono raggiunti i 200°, quindi abbassare la temperatura a 150° lasciando cuocere per altri 15-20 minuti.
A cottura avvenuta togliere il fiore dal forno e metterlo su una griglia a raffreddare


Questo e il pane cotto e l'interno di questo profumatissimo pane


Un altro pane molto decorativo è il pane...solare
*************
Questo pane lo voglio dedicare a
******
come augurio di Buon Compleanno
Auguroni Serena
*****************
Continua a leggere....

Crostatine ........... o crostata di crema alle mandorle

Ricettina semplice e molto gustosa
io ho fatto delle crostatine, ma il procedimento è lo stesso anche per la crostata

350gr circa di pasta frolla
230gr ricotta
100gr mandorle tritate o in lamelle
2 uova
80gr zucchero
scorza di limone
un pizzico di sale
zucchero a velo

Preparare la pasta frolla e metterla a riposare
Nel frattempo mettere in una terrina la ricotta con lo zucchero, scorza di limone, le uova e un pizzico di sale
Mescolare bene tutti gli ingredienti fino ad amalgamarli


stendere la pasta frolla e foderare una teglia, oppure se volete fare delle crostatine foderate le relative formine
Bucherellate il fondo con la forchetta e copritelo con la crema alla ricotta
Con la pasta eccedente, o avanzata fare una grata sulla superficie della torta, decorare con una manciatina di mandorle a lamelle


Infornare a 180° per 35 minuti circa
Lasciare raffreddare le crostatine, cospargerle di zucchero a velo e servirle.
Ecco tre crostatine

Continua a leggere....

Torta svizzera ........ Wahe

Questa è una torta dal gusto delicato che si può modificare a proprio gusto e seguendo le stagioni


Ingredienti per frolla

350gr burro
150gr zucchero a velo
buccia di limone
7gr sale
2 albumi
430gr farina bianca

Questi sono gli ingredienti per la base, la pasta frolla io ho adottato la frolla bianca di Morè e con queste dosi vengono due torte

Ingredienti per ripieno
cocco gratuggiato o farina di mandorle o farina di nocciole
amaretti sbriciolati o savoiardi sbriciolati
un po' di uvetta bagnata
uno strato di frutta mele o albicocche o prugne.....

per il liquido (300ml in tutto)
1-2 uova
2 cucchiai di zucchero
un pizzico di chiodi di garofano in polvere
un pizzico di cannella in polvere
un pizzico di vinilina
buccia di limone
aggiungere latte o panna fino a raggiungere un totale di 300ml di liquido

Prepare la nostra pasta frolla
Mettiamo sul tavolo lo zucchero, al centro il burro e la scorza di limone gratuggiata e con una spatola iniziare a rompere il burro in tanti pezzettini. Aggiungere gli albumi e incominciare ad amalgamare e poi un po' alla volta aggiungere la farina e il sale continuare ad amalgamare, meglio se con la spatola, fino ad avere un bel panetto.

Prendere metà del panetto fatto, l'altra parte possiamo metterla in freezer per un altra volta oppure fate metà dose
Con il panetto tiriamo una sfoglia e foderiamo la nostra tortiera lasciando un bordo di circa 4-5cm (dipende dallo spessore della frutta che si vuole usare)
Preriscaldate il forno a 180°



Bucherellare con una forchetta il fondo e poi distribuire uno strato di cocco gratuggiato (o mandorle...) e sopra un po' di amaretti sbriciolati (o savoiardi..) e distanziandola un po' di uvetta

Questo strato serve ad assorbire l'umidità della frutta
L'uvetta è meglio se non è quella gigante (io avevo solo quella in casa) quella media si amalgama meglio



Dopo aver fatto questi due strati possiamo mettere uno strato con la nostra fruttaio ho usato le mele (il trentino colpisce) e le ho tagliate a fettine sottili, ma si possono mettere anche a pezzetti

Se in primavera usate le albicocche vanno tagliate a metà e messe con il taglio verso l'alto
Adesso infornate la torta nella parte bassa del forno, già preriscaldato a 180°, e cuocete per 15-20 minuti.

Nel frattempo prepariamo la parte liquida della torta

Prendiamo due uova e le sbattiamo leggermente con due cucchiai di zucchero, un po' di chiodi di garofano in polvere, un pizzico di cannella, scorza di limone, e panna o latte fino a raggiungere un totale di 300ml di liquido.



Passati i 15 minuti togliamo la torta dal forno e senza scottarci versiamo sopra uniformemente il liquido con le uova, senza farlo uscire dai bordi
Rimettiamo la torta in forno, nella stessa posizione, per altri 15 minuti, fino a quando il liquido si è rassodato e la pasta è dorata


Togliamo la torta dal forno e facciamo raffreddare
Ecco una bella fettina, vedete quanto è gustosa


Gradite una fettina anche voi per incominciare bene la settimana
Continua a leggere....
Related Posts with Thumbnails